Food for Mood!

Mangiare un paio di kiwi al giorno per rimanere in salute e sentirsi bene?
Esatto: questo piccolo frutto dall’aspetto bizzarro e colorato, con la buccia marrone un po’ pelosa e la polpa di un intenso color smeraldo punteggiata da piccoli semi neri, è un vero concentrato di molecole utili al nostro organismo!

Sarò sincero, fino a qualche tempo fa i kiwi non attiravano particolarmente la mia attenzione, ma da quando mi occupo della caratterizzazione qualitativa dei frutti cresciuti nel territorio Veneto, ne ho potuto riscoprire le importanti proprietà salutistiche.

Dal punto di vista nutrizionale… questo piccolo frutto è un gigante!
Si differenzia da tutti gli altri frutti più comuni perché, pur avendo un basso contenuto di zuccheri, e perciò un modesto apporto calorico, è ricco di importanti nutrienti, in particolare gli antiossidanti e, incredibile a dirsi, contiene quasi il doppio della vitamina C delle arance!
Pensate che un solo kiwi copre il fabbisogno giornaliero di vitamina C per una persona adulta. Nel kiwi abbonda anche la vitamina E, che raggiunge livelli simili a quelli dell’avocado; il contenuto di potassio è paragonabile a quello delle banane. Come se non bastasse, sono presenti quantità significative di vitamina K, fibre, folati e carotenoidi come il b-carotene, la luteina e la zeaxantina.

Allora perché il kiwi è verde?
Il caratteristico colore giallo dei carotenoidi è mascherato dalla clorofilla che è verde. Rispetto alla maggior parte degli altri frutti, il kiwi non perde la clorofilla durante la maturazione perciò, anche una volta maturo, rimane intensamente colorato di verde.

Ma quali sono gli effetti concreti sulla nostra salute?
La vitamina C, i carotenoidi e la vitamina E sono dei potenti antiossidanti, e giocano un ruolo importante nella riduzione dello stress ossidativo, che è una delle principali cause di malattie cardiovascolari e tumori.
La vitamina C ed i carotenoidi, rendono il kiwi particolarmente indicato per persone che soffrono di carenza di ferro o che ne hanno un aumentato fabbisogno, come durante la gravidanza.
Il kiwi produce anche importanti effetti sulla digestione, grazie ad un particolare enzima l’actinidina incrementa l’efficacia della digestione delle proteine a livello gastrointestinale. Le fibre contenute in questo frutto favoriscono la “regolarizzazione” intestinale.
È stato dimostrato inoltre che l’assunzione del kiwi può prevenire l’insorgere di influenza e raffreddore, o alleviarne i sintomi.
In pratica è il frutto ideale da consumare in autunno!
E in autunno, dal momento che la raccolta in Italia avviene proprio in questo periodo dell’anno, lo possiamo assaporare al pieno delle sue caratteristiche organolettiche e nutrizionali. Da novembre fino ad aprile potete acquistare dei deliziosi kiwi Italiani (in pochi sanno che siamo il principale produttore mondiale di kiwi della varietà Hayward - Actinidia deliciosa); per gli altri 6 mesi dell’anno potete trovare in commercio quelli importati da altri Paesi come Nuova Zelanda e Cile.

E gli effetti sull’umore?
I ricercatori dell’università di Otago in Nuova Zelanda hanno recentemente dimostrato come l’assunzione di due kiwi al giorno della specie a polpa gialla, Actinidia chinensis, contribuisce in modo significativo allo “star bene mentale”, cioè al buon umore.
Per quanto riguarda il kiwi verde dovete avere pazienza, i lavori sono in corso…

Alla prossima,
Martino Bianconi

Martino Bianconi

Martino Bianconi

Università di Verona

Borsista di ricerca presso il Dipartimento Biotecnologie dell'Università di Verona. Già dottore magistrale in Biotecnologie Agroindustriali, nell'ambito di questo progetto si è occupato dei campionamenti e della quantificazione della vitamina C tramite HPLC-DAD e ha partecipato alla stesura delle relazioni.